Radiofrequenza 
Prof. Emanuele  Bartoletti
Vice Direttore Scuola di Medicina Estetica Ospedale “Fatebenefratelli” di Roma
ci parla della tecnica della “radiofrequenza”

Prof. Bartoletti che cosa è la radiofrequenza?
Una corrente elettrica che ad alta frequenza, riscalda i tessuti: derma e grasso sottostante, con lo scopo di ottenere due benefici per alcune parti del nostro corpo.
Questa corrente passa attraverso un macchinario che inizialmente veniva utilizzato in sala operatoria, ma che oggi, dopo varie ricerche si è scoperto utile per migliorare la pelle.


Quali sono questi benefici?

Accorciare le fibre di collagene, in modo da avere un effetto-lifting. E produrre una sintesi di nuovo collagene per rinforzare la pelle trattata.


Dopo questo processo, quali sono gli effetti evidenti?

Un visibile stiramento della pelle, infatti, la radiofrequenza migliora la qualità e il tono.


E’ un’alternativa al lifting?

No, ma i risultati che offre sono vicini a quelli del lifting.


Per ottenere dei benefici evidenti, quante sedute bisogna fare?

4 o 5 sedute della durata di 30 minuti ciascuna.


La radiofrequenza ha  delle controindicazioni?

No, tutte le persone che notano dei cedimenti alla pelle possono usare questa tecnica.

L’unico fastidio  è un lieve bruciore, un tenue  rossore e del gonfiore nella zona trattata. Effetti che comunque spariscono in breve tempo.


Quali sono le zone che possono essere sottoposte alla radiofrequenza?

Viso, collo, braccia, ecc…

 
E’ una terapia costosa?

Dermastir Energizer di ALTA CARE Laboratoires che usa radiofrequenza costa da 50 a 100 euo

 



Back
 

  Language

Disclosure

In order to receive information about your Personal Data, the purposes and the parties the Data is shared with, Alta Care Laboratoires and its partners are using cookies. By continuing to use our site, you agree to our Cookie Policy

close icon